lunedì 21 settembre 2015

I miei incubi...- My nightmares ...

Non so davvero davvero da dove cominciare.
Sono a casa, sola, televisione accesa con "The Prestige" e tante idee per la testa. E come al solito, mi sembra di avere poco tempo per fare tutto..

Come promesso, vorrei spiegarvi le mie ultime tele, quelle che andranno in mostra il 24 Ottobre.
Se lo faccio è perché ho dipinto i miei incubi. Incubi che ho fatto diversi anni fa, in un periodo molto turbolento della mia vita ai quali avrei dovuto prestare più attenzione.

In realtà quando mi addormento è come se andassi in un'altra dimensione. Me ne accorgo perché sogno persone e luoghi familiari che non hanno un riscontro nella realtà. Mi trovo spesso a girare per delle città che potrei descrivervi alla perfezione, ma che non ho mai visitato se non nei sogni, anche a distanza di anni e che mi accompagnano fin da quando ero bambina. Nei sogni ovviamente sono felice: posso mangiare gelati, correre per la strada, sentire il vento e parlare con le persone.

Poi ci sono gli incubi. Non parlo di brutti sogni, tipo quello che ho fatto stanotte, dove il dottore mi diceva che non avrei mai potuto correre a causa del dolore alla coscia. No. Intendo veri e propri incubi, dove delle entità nere, malvagie, compaiono improvvisamente vicino a me o alla persona con la quale sto interagendo. E' difficile da spiegare, ma le sensazioni che provo sono di paura, angoscia, dolore e al risveglio sono praticamente terrorizzata e ansimante, spesso con le lacrime agli occhi.

Se siete arrivati fin qui (grazie), inizio a spiegarvi la prima tela, "L'attesa".
Credo di aver fatto questo sogno nel 2009. Nel letto c'era mia nonna (morta nel '94) e a differenza degli altri sogni, dove era viva e mi parlava, qui era morta. Subito entrai nella stanza perché avevo capito che qualcosa non andava e improvvisamente nell'angolo, vedo una figura nera seduta su una sedia. Era un'energia molto forte e malvagia che mi metteva in guardia da qualcosa di molto brutto che sarebbe successo. La stanza era tutta bianca, quindi la figura malvagia spiccava notevolmente.

Andai subito a leggere il significato su internet e scoprii che qualcosa di brutto sarebbe successo ad una persona a me cara e che mia nonna in qualche modo mi stava avvertendo.

A dicembre del 2009, mio padre andò in coma per una settimana.

L'altra tela, "Presagio", è invece un sogno più recente e risale al 2012.
Ci sono io, in bagno davanti lo specchio che mi sto lavando le mani. Improvvisamente sulla porta, compare una  figura nera carica di negatività, con la maschera della peste dell '700 in volto che mi fissa in modo malvagio. Mi svegliai improvvisamente letteralmente terrorizzata e su internet, dopo varie ricerche, scoprì che una persona a me molto vicina, con la quale avevo riallacciato i rapporti da poco, sarebbe morta.

Mio padre morì il 18 Maggio del 2013.

Lascio a voi le considerazioni e potete anche prendermi per pazza. Rimane il fatto che in qualche modo, i miei incubi hanno voluto mettermi in guardia ed io li ho sottovalutati. Non sono stati gli unici che ho fatto, ma questi rimangono i più forti.

A breve posterò la terza tela che racchiude le sensazioni provate in questi incubi.  


I do not really know where to begin. 
I'm at home, alone, with television on "The Prestige" and so many ideas in my head. And as usual, it seems to have little time to do it all ..
As promised, I would like to explain my last works, those who will go on exhibition on October 24. 

If  I do it is because I painted my nightmares. Nightmares that I made several years ago, in a very turbulent period of my life which I should have paid more attention.

When I fall asleep, it's as if I went in another dimension. I realize because I dream of familiar places and people that have no correspond to reality. I often turn to the cities that I could describe to perfection, but I never visited except in dreams, even after many years and that accompany me since I was a child. In dreams, of course I'm happy: I can eat ice cream, running down the street, feeling the wind and talk to people.

Then there are the nightmares. I am not speaking of bad dreams, like what I did tonight, where the doctor told me that I could never run due to the pain to the thigh. No. I mean real nightmares where entities black, evil, suddenly appearing next to me or to the person with whom I'm interacting. It 'hard to explain, but the feelings that I feel are of fear, anguish, pain and the awakening I am pretty terrified and gasping, often with tears in my eyes.
 
If you have arrived here (thanks), I begin to explain the first canvas, "Expectation".

I think I've had this dream in 2009. In the bed there was my grandmother (who died in '94) and unlike other dreams, where she was alive and spoke to me, here was dead. Immediately I went into the room because I had realized that something was wrong and suddenly the corner, I see a black figure sitting on a chair. It was a very strong energy and evil that warned me of something very bad would happen. The room was all white, then the evil figure stood out dramatically.


I went immediately to read the meaning of the nightmare and I discovered that something bad would happen to a person dear to me and that somehow my grandmother was warning me.

In December of 2009, my father went into a coma for a week.


The other canvas, "Omen", is a dream more recent and dates back to 2012.

I am here, in front of the bathroom mirror, I am washing my hands. Suddenly the door, I sees a black figure full of negativity, with the mask of the plague of '700 in the face, staring at me wickedly. I awoke suddenly completely terrified and on the internet, after some research, he found that a person very close to me, with which I had re-established relations recently, would die.
 

My father died on May 18 of 2013.

I leave you to your thoughts and you can also take me for crazy. The fact remains that somehow, my nightmares have wanted to warn me, and I have them undervalued. They were not the only ones that I did, but they remain the strongest.

I will post the third canvas that encloses the feelings in these nightmares.


-Machi-

 

 

 







7 commenti:

  1. Se tu sei pazza, allora siamo in due! Ho anch'io fatto degli "incubi" che premunivano cose negative e purtroppo sono successe...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? Che ne dici di un bel baldacchino con tanto di sfera per arrotondare? :-)
      Dovrai fare anche te un post con i tuoi incubi...

      Elimina
    2. Ahahahahah!!! No, comunque non credo che farò mai un post sugli incubi (a meno che non siano incubi del tipo: Una notte ho sognato di spegnere il computer e di ritrovarlo acceso, nonostante io abbia staccato la spina. Sogno simile che ho fatto da bambino con la TV. Probabilmente qualcuno ha fatto lo stesso incubo e ha fatto il film "The Grunge"...). Anche perché mi potrebbero rinchiudere in chissà quale manicomio! Ahahahah!!! :D

      Elimina
    3. Per fortuna che sono chiusi i manicomi!!! :-)

      Elimina
    4. Infatti non ne voglio approfittare: non si sa mai che li aprono apposta! Ahahahah! :D

      Elimina
  2. I sogni e la loro interpretazione sta alla base della psicoanalisi ed ancora oggi sono i soggetti di tante teorie psicologiche, magiche, esoteriche ecc. ma a parte tutto la vita onirica ci regala premonizioni, moniti e rivelazioni inattese...
    I tuoi dipinti onirici non mi turbano, perché in fondo appartengono a tutti (anche a chi dice di non "crederci").
    Come sempre: BRAVA!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appertengono a tutti ma in pochi sanno codificarli. Io presto molta attenzione ad essi ma spesso mi spaventano per quello che rivelano...

      Elimina